GOVERNANCE


Quattro modi per risolvere i problemi delle banche

Una veterana di Wall Street spiega come fare a superare la complessità del settore.

Sallie Krawcheck

Giugno 2012

È FACILE LASCIARSI prendere dalla tentazione di considerare la crisi finanziaria come un episodio ormai concluso, le cui principali cause sono state eliminate (magari non del tutto, ma in modo abbastanza completo) dalla regolamentazione introdotta dalla legge Dodd-Frank per il settore dei servizi finanziari. Le grandi banche, però, continuano ad avere un problema di governance, che presenta rischi significativi non solo per loro, ma potenzialmente anche per quello che vivrà l'intera economia nella prossima fase di recessione.   È ben noto che molte banche sono state quasi spazzate via dalla crisi finanziaria globale del 2008, che esse stesse hanno contribuito a creare. Da allora, la maggior parte è stata sostenuta finché non ha riconquistato un certo stato di salute, ricevendo aiuti importanti dai contribuenti e dalle banche centrali. Eppure, nonostante la regolamentazione, restano istituzioni complesse e opache che operano dovendo assumersi rischi enormi. Capire come riuscire a sorvegliarle (mantenendo sotto...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!