SPECIALE

Adattarsi alla digital disruption

Julian Birkinshaw, Thomas W. Malnight, Ivy Buche, Pontus M. A. Siren, Scott D. Anthony, Utsav Bhatt

Gennaio 2022

Adattarsi alla digital disruption
Come sopravvivono e prosperano gli incumbent Una ricerca effettuata sulle più grandi aziende del mondo dimostra che la digital disruption è meno distruttiva di quanto non si immagini. di Julian Birkinshaw   La narrazione che prevale attualmente nel business mette al centro il cambiamento continuo e la distruzione creativa: le grandi imprese tecnologiche fanno la parte del leone, il numero degli unicorni (start-up che valgono un miliardo di dollari) continua ad aumentare, la durata media della presenza di aziende della old economy nell'indice S&P 500 è drasticamente in calo, e il valore dell'incumbency (cioè, delle aziende tradizionali) non è mai stato così basso. Il messaggio che dovrebbero trarne queste aziende è decisamente fosco: adeguarsi o morire. Ma guardiamo il quadro complessivo. Sì, non si possono negare né la crescita esponenziale delle Big Tech né le istruttive parabole di celebri vittime della rivoluzione digitale (pensate per esempio a Nokia, Kodak e...

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

0 / 3

Free articles left

Abbonati!