START-UP INTERVIEW

DaVinci porta la sanità nel futuro

Intervista di Cristina Capece a Stefano Casagrande, CEO & Founder di DaVinci Salute

Cristina Capece

Gennaio 2020

Genio e innovazione non potevano mancare con un nome così. DaVinci Salute è la start-up innovativa che sta rivoluzionando il mondo healthcare con un approccio internazionale e rivoluzionario. Stefano Casagrande ci racconta i dettagli del progetto.

 

Il vostro nome richiama un grande genio. Può spiegare il motivo di questa scelta?

La scelta del nome per una start-up è sicuramente un fattore critico, volevamo qualcosa di memorabile e non troppo inerente al campo medico. Un nome neutrale e imparziale che ci consentisse di abbracciare diversi stakeholder in modo da creare un ecosistema ampio con diverse opportunità. Leonardo da Vinci è un genio italiano molto noto e apprezzato a livello internazionale, con un nome facile da pronunciare per gli stranieri. In questo nome abbiamo trovato tutti gli elementi che ci interessava valorizzare: imprinting internazionale, genialità, innovazione e italianità.

 

Come è nata l’idea? E qual è la vostra mission? 

Io e i miei due soci, Francesco e Andrea, abbiamo maturato la stessa idea mentre lavoravamo in tre parti del mondo diverse: Dallas, Londra, Milano. Siamo stati colleghi per un periodo e tutti e tre abbiamo un’expertise pregressa nel campo della sanità. Abbiamo notato un alto potenziale – del tutto inespresso soprattutto in Italia – nel mobile health, così ci siamo chiesti come avvicinare l’utente medio al mondo della sanità, supportandolo a prendersi cura di sé.

Ci siamo resi conto di quanto l’accesso all’assistenza sanitaria sia ancora fermo a prassi più vicine agli anni 1980 che al 2020. Questo ritardo è riscontrabile soprattutto nel campo della prevenzione, dove il sistema attuale non riesce a rimuovere le attuali barriere relative a mancanza di tempo, prezzo, paura di uscire dalla propria zona di comfort.

Il risultato è che, in caso di malessere, ormai chiunque si rivolge alle ricerche su Google, rischiose e non protette. Una ricerca di Philips (Future Health Study 2016) indica che circa il 44% degli italiani non si rivolge a un medico quando ne avrebbe necessità, mentre i dati Eurostat e OMS indicano che circa 15 milioni di italiani soffrono di disturbi di salute mentale (ansia e stress) e solo il 10% di questi si rivolge a uno specialista. I problemi psicologici sono ancora oggi sottovalutati e pensare di farsi supportare da un analista rimane un tabù. In questi casi è il digitale a eliminare le barriere alla prevenzione, dando la possibilità a un numero sempre più vasto di persone di accedere a specialisti anche fuori dagli orari di lavoro, da qualunque luogo e in qualunque momento, con continuità (es. in viaggio o dopo un trasferimento di città), senza attesa e sforzi logistici. 

L'healthcare è una delle poche industry che non è stata ancora stravolta dalla “platform revolution” (vedi Parker, Van Alstyne, Choudary). Così ci siamo proposti di sviluppare una piattaforma che unisse online e offline, integrando (e non sostituendo) il modello sanitario tradizionale.

La nostra mission è facilitare l’accesso alla sanità e al wellbeing tramite innovazione e soluzioni digitali. Vogliamo diventare la piattaforma di riferimento che consenta alle persone di instaurare un contatto continuo con gli enti sanitari per aiutarle a ritrovare il benessere mentale e fisico.

I pilastri su cui si basano i nostri valori sono: diffondere la cultura della prevenzione (from sick care to prevention over cure), dare più potere al paziente (patient empowerment) e garantire una diagnostica basta su dati ed evidenze (evidence based healthcare).

DaVinci Salute permette di avere un feedback immediato da parte di un dottore qualificato in merito a un sintomo o a un dubbio sulla propria salute. Forniamo uno strumento valido e veloce per evitare sia le autodiagnosi su internet sia la sottovalutazione di problematiche potenzialmente serie, prevenendo l’insorgere di complicazioni.

Dalla medicina “reattiva” in cui si cura il paziente quando è malato, vogliamo passare a una medicina “proattiva” in cui il paziente monitora il suo stato di salute e interviene per tempo.

Quali servizi offrite e come funzionano? 

Stiamo parlando di mobile health cioè visite e consulti online, svolti anche tramite smartphone, per la risoluzione immediata di dubbi o problematiche restando comodamente a casa propria. Il servizio consiste nel mettere in contatto il paziente con uno specialista tramite la nostra App. In soli 20 minuti è possibile interagire con un dottore o uno psicologo online via messaggio o videochat. Al momento le specialità attive sono: Psicologia, Medicina primaria e Pediatria.

Le consulenze psicologiche sono totalmente anonime e possono essere svolte nella propria zona comfort. Le consulenze mediche possono essere richieste per ottenere pareri alternativi, per una lettura professionale degli esami oppure per risolvere dubbi circa il proprio stato di salute, dubbi che molto spesso non vengono investigati fino all’insorgenza di serie complicazioni. I nostri utenti - principalmente donne e neo genitori tra i 30 e i 35 anni - usufruiscono di un servizio specialistico in modo semplice e veloce, risparmiando tempo e denaro.

Utilizzare DaVinci Salute è semplicissimo, basta registrarsi sulla piattaforma visitando il sito www.davincisalute.com o scaricando l’app iOS o Android. Dopo aver inserito pochi dati, è possibile entrare in contatto con uno specialista in pochi minuti, via messaggistica o video. In fase di prenotazione, al paziente è richiesto di selezionare la problematica per la quale sta richiedendo il consulto, la modalità di svolgimento del consulto (video o chat) e viene data la possibilità di caricare foto o altri documenti necessari per l’anamnesi. All’ora prestabilita, il dottore contatterà il paziente attraverso la piattaforma e svolgerà il consulto secondo la modalità selezionata in fase di prenotazione rilasciando le proprie raccomandazioni. La registrazione alla piattaforma e la richiesta di consulto sono totalmente gratuite. Il costo del servizio viene addebitato al paziente al temine della visita solamente nel caso in cui sia andata a buon fine.

L’utente avrà inoltre la possibilità di accedere alla propria storia medica semplicemente tramite App, potendola quindi condividere tempestivamente nel momento del bisogno. Riteniamo che la cartella clinica debba essere nelle mani del cittadino, completa, ordinata e disponibile in ogni momento. Ora purtroppo è spesso cartacea e frammentata tra diversi ospedali, dottori e laboratori.

 

Quali sono le principali difficoltà che avete dovuto affrontare?

Avviare una start-up innovativa non è semplice. Le complicazioni fanno da contrappeso alle soddisfazioni. 

Abbiamo dovuto affrontare grandi difficoltà nel trovare la giusta prospettiva, nel gestire le emozioni e nel superare i problemi. Bisogna allenare la propria resilienza e la capacità di non mollare. Abbiamo creato qualcosa di innovativo in un ambito difficile. Ci si sono aperte mille possibilità e restare focalizzati nel portare avanti un progetto specifico non è semplice. Il rischio è disperdere energie e risorse su mille idee senza raggiungere il vero obiettivo e il target stabilito.

Il team è stato decisivo per affrontare nel modo giusto queste minacce, siamo uniti e abbiamo competenze diverse che si amalgamano bene.

Serve una mentalità per cui la risoluzione di problemi non è un evento straordinario ma ordinaria amministrazione da mettere in conto prima di iniziare la settimana. Viviamo in un mondo in cui non ha più senso chiedersi “se è possibile fare qualcosa”, bensì “quanto tempo e risorse ci vogliono”.

 

Quali riconoscimenti avete ottenuto e quali obiettivi vi proponete di raggiungere nei prossimi anni?

In un solo anno abbiamo avuto ottimi risultati e diversi riconoscimenti esterni, tra cui due premi assegnati dal Ministero dello Sviluppo economico e dalla Regione Lombardia, fondi europei che ci hanno aiutato a co-finanziare il progetto. Abbiamo vinto il primo premio al Bocconi startup day 2019 Health & Leisure e al contest AC Finance 2019. In nove mesi partendo da zero abbiamo raggiunto l’equivalente di 60.000 visite al sito web / anno e circa 5.000 utenti registrati. Abbiamo stipulato un accordo con un colosso del corporate welfare offrendo accesso diretto a 650.000 dipendenti delle principali aziende italiane a servizi di psicologia per gestire situazioni di ansia, stress, e burnout.

Nel breve e medio periodo l’obiettivo è quello di continuare ad espandere l’offerta dei servizi sanitari supportati da DaVinci in modo da rispondere sempre meglio alle esigenze dei nostri pazienti. Seguendo questa filosofia, DaVinci Salute sta lavorando per aggiungere nuove specialità, come ginecologia, nutrizione e dermatologia.

Stiamo anche lavorando per inserire i nostri servizi in un nuovo eco-sistema offline-online integrato con tutti gli attori principali del mondo sanitario. Questo perché crediamo che la sanità possa essere radicalmente migliorata solo con la collaborazione di tutti gli attori insieme: assicurazioni, ospedali, specialisti, farmacie, enti istituzionali, ecc. In particolare, stiamo guardando a integrazioni che permettano all’utente di ricevere a casa propria i farmaci e prodotti da banco consigliati durante il teleconsulto, così come l’integrazione con dispositivi SMART per il monitoraggio delle funzioni vitali da remoto. 

Ci stiamo anche attrezzando per essere competitivi nel lungo periodo dove i nostri peer europei stanno sviluppando algoritmi di “pre-diagnostica” basati su intelligenza artificiale utili per supportare il dottore nella diagnosi ed il trattamento dei pazienti.

Ora che abbiamo finito la fase di start-up e ricevuto la prima traction, nei prossimi mesi lanceremo una raccolta di fondi per accelerare il go to market. Cerchiamo quindi VC ed Angels anche di profilo internazionale e competenti nel settore Healthcare. Nel 2021, una volta consolidati in Italia, vorremo espanderci all’estero principalmente Stati Uniti e Paesi europei.

 

LA START-UP: DAVINCI SALUTE

 

DaVinci Salute è la start-up innovativa di mobile health che avvicina le persone alla sanità, incentivando la prevenzione e la cura di sé sia fisica sia mentale. La piattaforma online facilita l’accesso alle cure abbattendo le principali barriere, tra cui mancanza di tempo/voglia, difficoltà di spostamento e vergogna (soprattutto in ambito psicologico). I consulti digitali garantiscono la tutela della privacy e consentono di avere un supporto professionale psicologico e medico in modo rapido. Il team è 100% italiano con vasta esperienza internazionale. Per ulteriori informazioni www.davincisalute.com

 

IL FRONTMAN: STEFANO CASAGRANDE

CLASSE: 1987

FORMAZIONE: Stefano Casagrande, 32 anni nato a Como. Amministratore Delegato e co-fondatore di DaVinci Salute, startup innovativa di Mobile-Health.

Laureato in ingegneria al Politecnico di Milano e Finanza in Bocconi.
POSIZIONE ATTUALE: CEO and co-founder

HIGHLIGHTS: Dal 2011 si specializza nel Life Science lavorando presso primarie aziende e societá di consulenza direzionale maturando esperienza manageriale in 8 nazioni diverse tra Europa, America, Eurasia e Medio Oriente.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400