OPERATIONS

Governare la complessità

Assicuratevi che ogni nuovo elemento aggiunto ai sistemi dell’organizzazione offra vantaggi superiori ai costi.

Martin Reeves, Simon Levin, Thomas Fink e Ania Levina

Gennaio 2020

NELLE AZIENDE LA COMPLESSITÀ è malvista. E non c’è da stupirsi. Capire come funzionino realmente un sistema o un’organizzazione costituita da numerosi elementi interconnessi e molto diversi fra loro può essere impegnativo, sotto il profilo cognitivo. Ma il fatto che tali sistemi o organizzazioni siano difficili da capire non li rende di per sé inefficienti. Oltre ai costi ovvi, la complessità apporta vantaggi cruciali, soprattutto in ambienti caratterizzati da dinamismo e incertezza. Nelle pagine seguenti proporremo alcune riflessioni sulle caratteristiche, sui vantaggi e sui costi della complessità e forniremo orientamenti sul modo in cui gestirla nel business basandoci sulla nostra esperienza e sulle prospettive nel campo della biologia, della fisica e dell’attività economica.   Che cos’è la complessità e a che cosa serve? “Complessità” è uno dei termini usati con maggior frequenza nelle aziende, ma è anche uno dei più ambigui. Ha numerose definizioni anche in ambito scientifico. Ai nostri...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!