SPECIALE / L’ECONOMIA DELLA LEALTÀ

COME VALUTARE UN’AZIENDA ANALIZZANDO I SUOI CLIENTI

Daniel McCarthy e Peter Fader

Gennaio 2020

Nelle tre settimane precedenti all’offerta pubblica iniziale dell’azienda di abbigliamento Revolve Group, programmata per giugno 2019, gli investitori stentavano ad arrivare a una valutazione corretta. Diverse IPO recenti – in primis quelle delle aziende di passaggi automobilistici a pagamento Uber e Lyft – erano state deludenti. Revolve rimandava l’IPO da mesi per il calo del mercato azionario. Nonostante le circostanze sfavorevoli, la sua IPO era fissata a 1,2 miliardi di dollari – ed è aumentata di un altro 89% nel primo giorno di contrattazioni – facendone una delle più riuscite del 2019. L’entusiasmo degli investitori ha portato la valutazione dell’azienda a circa 4,5 volte il fatturato dei 12 mesi precedenti – cinque volte il multiplo dei suoi concorrenti e più in linea con quella di un’azienda dell’alta tecnologia. Cos’è accaduto? E perché all’inizio gli investitori non capivano quanto fosse solida e redditizia Revolve? La super valutazione di Revolve non era...

Hai ancora 2 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

2 / 3

Free articles left

Abbonati!