CULTURA

La dura verità sulle culture innovative

La creatività può essere disordinata. Richiede disciplina e capacità di gestione

DI GARY P. PISANO

Gennaio 2019

Una cultura che conduca all'innovazione non è salutare solo per i risultati di bilancio. È anche qualcosa che leader e dipendenti apprezzano in egual misura quando la vedono nella propria azienda. Nei seminari che realizzo in giro per il mondo, ho raccolto informalmente le testimonianze di centinaia di manager sul loro desiderio di lavorare in una realtà in cui i comportamenti innovativi siano all'ordine del giorno. Non riesco a ricordare una sola volta in cui abbia sentito dire a qualcuno «No, non mi piacerebbe.» Chi può biasimarli? Le culture innovative vengono, di solito, descritte come piuttosto divertenti. Quando chiedevo a questi stessi manager di descrivere culture di questo tipo, subito mi fornivano un elenco di caratteristiche identiche a quelle magnificate nei libri di management: tolleranza nei confronti del fallimento, volontà di sperimentare, sicurezza psicologica, alti livelli di collaborazione e assenza di gerarchia. Anche le ricerche confermano che comportamenti del genere...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!