SPECIALE / LE COMPETENZE SOFT DA NON IGNORARE

Il paradosso dell’autenticità

Perché sentirsi un impostore può essere un segno di crescita

Herminia Ibarra

Gennaio 2015

L’autenticità è ormai considerata il gold standard della leadership. Ma una lettura semplicistica di ciò che significa può ostacolare la vostra crescita e limitare il vostro impatto. Prendete il caso di Cynthia, direttore generale di un’organizzazione dell’assistenza sanitaria. La sua promozione a quel ruolo ha fatto aumentare di dieci volte i suoi riporti diretti e ha ampliato la gamma delle attività di cui risponde - un’assunzione di responsabilità che la preoccupava non poco. Convinta sostenitrice di una leadership trasparente e collaborativa, Cynthia ha messo a nudo la sua anima con i nuovi collaboratori: «Voglio fare questo lavoro», ha detto loro, «ma è una grossa responsabilità e ho bisogno del vostro aiuto». La sua sincerità si è ritorta contro di lei; ha perso credibilità con delle persone che volevano un leader ottimista e sicuro di sé. O pensate a George, un dirigente malaysiano di un’azienda di componenti per l’industria automobilistica in...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!