STRATEGIA & CONCORRENZA

La grande bugia della pianificazione strategica

Un piano dettagliato può risultare rassicurante, ma non è una strategia.

Roger L. Martin

Gennaio 2014

Tutti i dirigenti sanno che la strategia è importante. Quasi tutti ne hanno timore, poiché li costringe a confrontarsi con un futuro su cui possono soltanto tirare a indovinare. Quel che è peggio, scegliere una strategia di fatto implica prendere decisioni che escludono in modo categorico tutta una serie di possibilità e opzioni. Può capitare che un dirigente tema di prendere decisioni che potrebbero far naufragare la sua carriera. La reazione naturale è quella di ridimensionare la sfida trasformandola in un problema che si può risolvere con strumenti collaudati e testati. Questo significa quasi sempre trascorrere settimane (per non dire mesi) a predisporre un piano onnicomprensivo che regoli il modo in cui l'azienda investirà in asset esistenti e nuovi e in capacità, in vista di un obiettivo prestabilito, che si tratti di una quota maggiore del mercato esistente o di una parte in uno nuovo. Di solito, questo piano è...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!