INFORMATION TECHNOLOGY

Perché l’IT gestisce male gli analitycs

I progetti informatici si dovrebbero concentrare di più sulle informazioni e di meno sulla tecnologia.

DONALD A. MARCHAND E JOE PEPPARD

Gennaio 2013

Nel tentativo di estrarre indicazioni utili dalla gigantesca massa di dati che si possono ottenere oggi da fonti interne ed esterne, molte aziende spendono somme ingenti negli strumenti informatici e nel reclutamento di data scientist. Ma non riescono quasi mai a conseguire un ritorno accettabile. Il problema è che trattano i progetti sui big data e sugli analitycs nello stesso modo in cui trattano tutti i progetti informatici, senza rendersi conto che sono due “animali” completamente diversi. L’approccio tradizionale alla realizzazione di un progetto informatico, come l’installazione di un sistema di ERP o di CRM, si focalizza sullo sviluppo e sull’implementazione della tecnologia nei tempi previsti, nel rispetto del piano e del budget. I bisogni informativi e le specifiche tecniche si definiscono preventivamente, nella fase di progettazione, quando i processi vengono ridisegnati. Nonostante i racconti da brivido che abbiamo sentito tutti, è un approccio che funziona bene se l’obiettivo è...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!