ORGANIZZAZIONE & CULTURA

Il prezzo dell’inciviltà

La mancanza di rispetto nuoce al morale. E ai profitti.

CHRISTINE PORATH E CHRISTINE PEARSON

Gennaio 2013

I comportamenti incivili sul luogo di lavoro sono un fenomeno diffusissimo, e in aumento. Negli ultimi 14 anni abbiamo interrogato migliaia di persone sul trattamento che ricevono sul luogo di lavoro e il 98% ha risposto di aver subito comportamenti maleducati. Nel 2011 un intervistato su due ha detto di essere stato trattato male almeno una volta a settimana: nel 1998 il rapporto era di uno a quattro. I costi di questi comportamenti si ripercuotono sugli utili: quasi sempre, chi subisce sgarberie sul luogo di lavoro reagisce in maniera negativa, a volte con una rappresaglia esplicita; inoltre, i lavoratori sono meno creativi quando non si sentono rispettati, e molti si stufano e se ne vanno; infine, quasi la metà riduce deliberatamente il proprio impegno o la qualità del proprio lavoro. L’inciviltà nuoce anche ai rapporti con i clienti: le nostre ricerche dimostrano che la gente tende a non fare acquisti...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!