RISORSE UMANE

Perché i buoni posti di lavoro fanno bene ai profitti

Alcune aziende del retail stanno investendo sui loro dipendenti, portando a casa ottimi risultati.

Zeynep Ton

Gennaio 2012

Quasi un quinto dei lavoratori americani ha posti di lavoro di bassa qualità. Riceve paghe basse, scarsi benefit, orari che cambiano con poco (o nessun) preavviso e ha poche opportunità di avanzare nella carriera. L’idea corrente è che molte aziende non possano far altro che offrire lavori scadenti, in particolare i retailer il cui modello di business prevede di competere sui prezzi più bassi. L’ipotesi è che se i dettaglianti investissero di più nei dipendenti, i clienti dovrebbero pagare di più. In effetti è facile giungere alla conclusione che aziende come Wegmans e Container Store, che concedono molto ai dipendenti, possono offrire ottimi posti di lavoro solo perché i loro clienti sono disposti a pagare prezzi più alti. Ho studiato le attività di vendita per oltre dieci anni e ho scoperto che è possibile scardinare il presunto contrasto tra investimento sui dipendenti e prezzi bassi. Le catene retail di grande...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!