SPECIALE / REINVENTARE LA FINANZA

L’esigenza di una Banca Nazionale dell’Innovazione

EDMUND S. PHELPS E LEO M. TILMAN

Gennaio 2010

Alcuni economisti presentano le nuove iniziative dell’amministrazione USA nel campo della sanità, del cambiamento climatico e dell’energia come motori di ripresa. A loro avviso, le leve di politica economica dello Stato possono risollevare il Paese verso una «nuova normalità». Ma una visione così meccanicistica dell’economia porta a perdere di vista una forza molto potente. Fin dai tempi di Hamilton, l’economia americana è fatta di idee, sperimentazione ed esplorazione: uomini e donne d’affari che immaginano nuovi concept e sperimentano nuove tecniche, imprenditori che incorporano queste idee in nuovi metodi o prodotti, esperti di marketing che concepiscono nuove nicchie per i prodotti, manager e consumatori che valutano i nuovi prodotti che arrivano sul mercato, e finanzieri con una capacità di visione strategica che valutano quali innovazioni meritano di essere sostenute. In virtù di queste dinamiche, ogni giorno nell’economia si compiono progressi in termini di produttività. Il nostro dinamismo – la nostra capacità...

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

0 / 3

Free articles left

Abbonati!