Tre carriere distinte per i manager dell’innovazione

by Gina Colarelli O’Connor, Andrew Corbett, Ron Pierantozzi

Gennaio 2010

Finorale aziende hanno fondamentalmente messo nella condizione di fallire chi al loro interno si occupa di innovazione. Immaginate –sostengono gli autori - quali miglioramenti si potrebbero produrre se solo permettessero ai lavoratori che eccellono, poniamo, nella fase di scoperta di concentrarsi sulle opportunità emergenti, anziché obbligarli ad acquisire le competenze necessarie ai successivi stadi di incubazione e accelerazione. Lo schema presentato può essere di aiuto ai dirigenti delle aziende che vogliono costruire carriere diversificate per gli innovatori. E raccogliere i frutti di una funzione innovazione sostenibile.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

Edizione Digitale

Leggi Hbr Italia
anche su tablet e computer

Newsletter

Lasciaci la tua mail per essere sempre aggiornato sulle novità di HBR Italia