LEADERSHIP

Come ottenere il massimo dai gruppi di supporto tra pari

Una guida ai benefici e alle best practice

Boris Groysberg, Robert Russman Halperin

Maggio 2022

Come ottenere il massimo dai gruppi di supporto tra pari
Quindici anni fa, Mike Novakoski, presidente e CEO di EV Construction, si è unito a un gruppo locale di supporto ai leader aziendali gestito dalla YPO (ex Young Presidents' Organization). All'epoca, Mike dubitava di riuscire a farne attivamente parte; pensava che sarebbe stato troppo occupato per partecipare alle riunioni. Adesso dice: «Non riesco a immaginare la vita senza quel gruppo di supporto». Dice che il gruppo l'ha aiutato a connettersi più autenticamente con i colleghi, in un clima di fiducia reciproca - tant'è vero che ha incoraggiato amici, familiari, colleghi e fornitori a trovare o a formare gruppi di supporto orizzontale. Nella società di consulenza Spitfire Strategies, la fondatrice e presidente Kristen Grimm ha introdotto i "peer pod", gruppi virtuali autodiretti in cui i dipendenti con responsabilità e pressioni analoghe discutono della propria crescita professionale, trovano soluzioni creative ai problemi e imparano a operare a un livello più elevato. Oggi,...

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

0 / 3

Free articles left

Abbonati!