LEADERSHIP

Il leader nel ruolo di coach

Come scatenare innovazione, energia e impegno

HERMINIA IBARRA E ANNE SCOULAR

Dicembre 2019

Un tempo, quasi tutti iniziavano una carriera di successo sviluppando expertise in un ambito tecnico, funzionale o professionale. Far bene il proprio lavoro voleva dire avere le risposte giuste. Se riuscivate a legittimarvi in questo modo, facevate carriera per poi arrivare a gestire delle persone. E a quel punto dovevate assicurarvi che i vostri subordinati avessero le stesse risposte. Nel ruolo di manager, sapevate cosa bisognava fare, insegnavate ai dipendenti come farlo e valutavate la loro performance. La parola d’ordine era comando e controllo, e il vostro obiettivo era dirigere e sviluppare dipendenti in grado di capire come funzionava l’azienda e di riprodurne i successi. Oggi non è più così. Un cambiamento rapido, costante e disgregante è ormai la norma e ciò che accadeva in passato non è più indicativo di ciò che accadrà in futuro. I manager del XXI secolo non hanno (e non possono avere!) tutte le risposte...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!