ECONOMIA

Come dobbiamo misurare l’economia digitale?

Occorre concentrarsi sul valore creato, non solo sui prezzi pagati

ERIK BRYNJOLFSSON E AVINASH COLLINS

Dicembre 2019

Supponiamo che vi facciamo un’offerta: voi rinunciate ad accedere alle ricerche di Google per un mese e noi vi paghiamo 10 dollari. No? Che ne dite di 100? E se fossero 1.000? Quanto vi dovremmo pagare per rinunciare ad accedere a Wikipedia? La vostra risposta può aiutarci a capire il valore dell’economia digitale. Nel 2018 gli americani hanno trascorso in media 6,3 ore al giorno sui media digitali: non solo Google e Wikipedia, ma social network, corsi online, mappe, servizi di messaggistica, videoconferenze, musica, applicazioni per smartphone e altro ancora. I media digitali consumano una quota consistente e crescente della nostra vita da svegli, ma questi beni e servizi non vengono quasi mai conteggiati nelle misurazioni ufficiali dell’attività economica, come il PIL e la produttività (che è semplicemente il PIL per ora lavorata). Ascoltiamo più musica e di miglior qualità, navighiamo con facilità, comunichiamo con colleghi e amici in un’ampia...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!