CORPORATE GOVERNANCE

Il crescente ruolo delle Risorse umane
nella successione manageriale

Joseph C. Santora e Gil Bozer

Dicembre 2016

Negli ultimi anni, si è scritto abbondantemente sulla successione alla funzione direttiva sia nella stampa popolare sia nell’ambito dei circoli accademici. Purtroppo, in gran parte le notizie sulla successione manageriale non sono così buone. Ad esempio, la questione della pianificazione della successione continua a porre gravi problemi a molti consigli di amministrazione. Hooijberg e Lane (“Il pasticcio dei CdA nella successione dei CEO”, MIT Sloan Management Review, 2016) hanno rilevato come oltre il 50% dei membri del consiglio intervistati abbiano posto l’accento sul fatto che le loro aziende non dispongono di un piano di successione. Cosa si può fare, allora, per porre rimedio a una situazione così grave? Una possibile soluzione è che le Risorse umane e i CdA lavorino in modo collaborativo nel processo di successione, mettendo in campo la regola delle 4 C: competenze, criteri, core values (valori fondamentali) e coaching. 1. Individuare le competenze che i CdA cercano...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!