SPECIALE / COME RENDERE LA VOSTRA AZIENDA DATA-FRIENDLY

Alla fine, forse, i Big Data non vi servono

Ecco come una massa di “piccoli” dati può informare il processo decisionale quotidiano.

JEANNE W. ROSS, CYNTHIA M. BEATH E ANNE QUAADGRAS

Dicembre 2013

Le imprese investono somme enormi in data scientist, sistemi per l’archiviazione dei dati e software di analitica. Ma in genere ne ricavano abbastanza poco. E può darsi che non ottengano mai dei benefici commisurati all’investimento. Qual è il problema? Tanto per cominciare, i Big Data sono stati così reclamizzati che le aziende sperano di estrarne più valore di quanto non sia materialmente possibile. Inoltre, le indicazioni generate dall’analitica sono facilmente replicabili: un’azienda di servizi finanziari che abbiamo studiato ha costruito un modello basato sull’analisi dei Big Data per ottimizzare la collocazione degli sportelli bancomat, e poi ha scoperto che i consulenti avevano già costruito modelli analoghi per diverse altre banche. Inoltre, per convertire le indicazioni fornite dall’analitica in un vantaggio competitivo occorrono dei cambiamenti che le imprese non sono sempre in grado di introdurre. Una catena della distribuzione al dettaglio, per esempio, ha scoperto di poter aumentare sensibilmente i profitti...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!