RISORSE UMANE

CHI CHIUDERÀ IL DIVARIO DELLE COMPETENZE INTERMEDIE?

LE AZIENDE DOVREBBERO PRENDERE L'INIZIATIVA E CREARE PROGETTI DI COLLABORAZIONE PER  FORMARE I LAVORATORI. 

Thomas Kochan, David Finegold e Paul Osterman

Dicembre 2012

TRE ANNI E MEZZO DOPO la fine ufficiale della Grande Recessione, il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti rimane incredibilmente elevato. Eppure, ci sono ancora tanti datori di lavoro che faticano a ricoprire i ruoli vacanti, soprattutto per le posizioni che necessitano di competenze tecnico-professionali (le cosiddette competenze intermedie, richieste nel settore informatico e infermieristico, ma anche nella produzione, dove si richiede un alto grado di specializzazione, e in altri campi) ovvero quelle che richiedono un'istruzione e una formazione tecnica che vada oltre il diploma di scuola superiore e, in alcuni casi, corsi di matematica o diplomi universitari. Attualmente, negli Stati Uniti, sono all'incirca 69 milioni le persone che rientrano in questa fascia professionale e che rappresentano circa il 48% della forza lavoro. Non esistono stime complessive di quanti siano i posti vacanti per questi tipi di professioni, ma ci si attende che il numero cresca in modo importante via...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!