CORSO DI FORMAZIONE

Strategie di "internazionalizzazione"
e di innovazione: Cina

05 Luglio 2019

5 luglio 2019, ore 9 – 17

SEDE DEL CORSO: Via San Tomaso 6, Milano

Introduzione

Lo sviluppo di una presenza sempre più significativa nel mercato cinese è oggi una priorità per diverse aziende, sia in ambito Consumer che Industrial.

Consumatori con una elevata capacità e volontà di spesa, utilizzo pervasivo dei canali digitali nella selezione e acquisto di beni, commistione totale tra esperienze online e offline richiedono sforzi mirati per “mettersi alla pari”; d’altro canto, questi fattori rendono la Cina un mercato più accessibile e con una ricchezza di opportunità altrove non individuabili. 

Per un’azienda occidentale si tratta di un percorso sicuramente complesso, ma al tempo stesso imprescindibile, sia per i ritorni commerciali a breve, sia per lo stimolo a ripensare in chiave innovativa prodotti, servizi e modelli di business.

Pensiamo ad esempio ad operatori digitali come Tencent, Alibaba, Baidu,JD.com che grazie ai loro livelli di innovazione hanno di fatto raggiunto e sorpassato i rispettivi peer statunitensi. Da questo punto di vista, le sperimentazioni, soprattutto digitali, sul mercato cinese acquisiscono valore anche in un’ottica di sviluppo e di innovazione a livello globale. 

 

Destinatari

Il seminario è disegnato principalmente per leader aziendali; si tratta infatti di un tema di grande complessità strategico-organizzativa, con impatti di business di medio-lungo periodo (non solo sul mercato Cinese) e con un grande potenziale in termini di apprendimento e di innovazione.

È consigliata la partecipazione anche a manager responsabili di una Funzione Aziendale, in particolare Strategia, Marketing, Commerciale, Sviluppo Nuovi Prodotti, Comunicazione.

 

Obiettivi

-        Descrivere i diversi modelli e framework di sviluppo e di gestione del mercato cinese, in termini di scelte strategiche, di attività e ruoli da presidiare, con le relative implicazioni a livello di organizzazione, governance e budget

-        Analizzare casi di successo (e di insuccesso) di aziende occidentali nello sviluppo e nella gestione del mercato cinese

-        Analizzare nel dettaglio, strategia, modello di business ed organizzazione dei principali operatori “digitali” cinesi e dei loro ecosistemi; discutere le modalità di collaborazione più opportune

-        Definire come applicare logiche di “agilità” strategica ed organizzativa per rispondere all’estrema variabilità del contesto cinese (attori, preferenze, modelli di business, regulation, ecc.).

-        Raccogliere esperienze e valutazioni su come “fare business” in Cina o con soggetti Cinesi, con particolare focus sugli aspetti culturali e relazionali.

-        Generare insight utili da portare nel proprio contesto aziendale e di business.

 

Struttura e formato

-        Seminario di una giornata con metodi di formazione basati principalmente su discussione di casi aziendali ed esercizi di lavoro in aula.

-        Viene usata la formula 40/30/30 – 40% discussione casi ed esercizi, 30% lezioni e 30% dedicato a testimonianze – in modo da favorire un approccio attivo all’apprendimento ed una forte interattività.

 

Docenti e Testimonials

· Mark Greeven: olandese e “Chinese speaking”, Professore di Innovation and Entrepreneurship presso la Zhejiang University (Hangzhou, China) e di Innovation and Strategy presso la IMD di Losanna. Considerato uno dei principali esperti internazionali del fenomeno degli Ecosistemi Cinesi.

· Paolo Cervini: Partner di ECSI Consulting; autore e speaker su diversi temi di strategia ed innovazione, tra cui “Digital China”.

. Antonio Acunzo: Co-founder e CEO di MTW GROUP | Foreign Market-Entry Advisors. Esperto e speaker sui temi di strategia per l’internazionalizzazione per i mercati Cina, Asia e USA.

. Matteo Guerrini: Digital Manager Moschino. Presenterà le proprie esperienze di internazionalizzazione digitale in Cina. 

 

Altri Testimonials in corso di definizione.

Nota: Il Prof. Greeven sarà in aula a Milano ed il suo intervento sarà in lingua inglese.

 

Fee di partecipazione

Euro 960 + iva (euro 1.171)

Il fee di partecipazione comprende un abbonamento in omaggio cartaceo + digitale
per un anno ad Harvard Business Review Italia (valore 129,90 euro).

prezzo 1,171.20

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 2500

Temi più seguiti

Partner center