DIVERSITY E INCLUSIONE

Data-Driven Diversity

Per raggiungere i vostri obiettivi di inclusione, usate un approccio basato su parametri quantitativi.

Aprile 2022

Data-Driven Diversity
Quando si rendono conto di non riuscire a migliorare le operations, ad ampliare le offerte o a entrare veramente in sintonia con i clienti, le aziende definiscono quasi sempre ciò che vogliono ottenere, identificano indicatori adeguati e poi sperimentano strategie diverse finché quegli indicatori non evidenziano dei progressi effettivi in direzione dell'obiettivo. È una pratica che funziona e le imprese la utilizzano per affrontare tutti i problemi che considerano veramente importanti. Di qui l'aforisma “Misuriamo ciò a cui teniamo”. Ma non succede per la triade diversity-equità-inclusione (DEI). Anche se analizzare i dati è fondamentale per fare meglio in questo campo, quasi tutte le aziende devono ancora adottare pratiche basate su evidenze certe e guidate da parametri quantitativi - anche se considerano la DEI un imperativo morale e sanno perfettamente come può giovare alla loro bottom line. Ovviamente non ha senso. Il fatto è che, senza indicatori quantitativi in grado di...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!