LEADERSHIP

I segreti del successo dei CEO “fatti in casa”

Consigli da chi lo ha sperimentato di persona

Aprile 2020

Quando un’organizzazione sceglie di nominare Chief Executive Officer uno dei propri dirigenti interni, la transizione può sembrare semplice e lineare. In molti casi la promozione è il coronamento di anni — a volte decenni — di duro lavoro. Con tutta probabilità, i CEO provenienti dall’interno dell’azienda hanno fatto parte del top management o diretto una divisione importante e hanno quindi relazioni consolidate con gli alti dirigenti e la fiducia del consiglio d’amministrazione.   Conoscono l’organizzazione, la sua storia e la sua cultura. Ne comprendono la strategia e magari hanno contribuito personalmente a svilupparla. Si sono guadagnati credibilità e supporto. Si può dunque pensare che abbiano minore difficoltà ad adattarsi al nuovo ruolo e ottenere risultati eccellenti, rispetto a chi viene da fuori. In realtà, gli amministratori delegati che arrivano al vertice di un’azienda per promozione interna devono affrontare ostacoli di entità paragonabile, benché di natura diversa, a quelli con cui...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!