INNOVAZIONE

L'equazione dell'innovazione

Le variabili più importanti sono strutturali, non culturali.

SAFI BAHCALL

Aprile 2019

Quando per la prima volta sono diventato CEO, a 33 anni, mi sono messo a leggere tutto quello che riuscivo a trovare sugli imprenditori leggendari e sulle imprese che avevano creato. Stavo cercando di scoprire il segreto per costruire un'organizzazione innovativa che avrebbe dato empowerment ai dipendenti, messo in pratica la nostra mission audace di sviluppare un nuovo farmaco contro il cancro e garantito ritorni agli investitori. La risposta, secondo molti, era la cultura aziendale: «La cosa bella della (nostra) cultura è che nove volte su dieci, le persone diranno, “Ehi, proviamoci, vediamo dove porta”». «Ti è consentito divertirti un po', pensare fuori dagli schemi... commettere un errore». «Siamo stati in grado di creare un brand così forte e una presenza globale... perché abbiamo davvero dato vita a... una cultura incredibile». Purtroppo, queste citazioni provenivano dai CEO di GE, Nokia e RIM (BlackBerry), poco prima che il valore di mercato...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!