aprile 2018

Prosperare nella gig economy

Aprile 2018

Prosperare nella gig economy

prezzo 5,00

Sono ormai 150 milioni le persone che in Nord America ed Europa occidentale lavorano come liberi professionisti; soprattutto nei settori a più alta intensità di conoscenze e nelle professioni creative.

. Gli autori di questo articolo hanno coinvolto 65 rappresentanti di questa categoria in uno studio approfondito che ha permesso loro di apprendere come, benché senza la copertura e il sostegno di un datore di lavoro di tipo tradizionale risentano di una serie di ansie personali, sociali ed economiche, essi affermino anche di aver optato per l’indipendenza e di non voler rinunciare ai suoi vantaggi.

Molti dei lavoratori oggetto dello studio si sono costruiti un “ambiente facilitante” basato su quattro tipi di connessioni:

con i luoghi, sotto forma di ambienti fisici di lavoro personalizzati e dedicati che permettono un facile accesso agli strumenti di lavoro;
con le routine, che ottimizzano il flusso lavorativo e spesso incorporano attività di cura della propria persona;
con gli obiettivi, che creano un ponte tra gli interessi e le motivazioni personali e i bisogni presenti nel mondo;
con le persone, cui questi lavoratori si rivolgono per essere rassicurati e incoraggiati.
Queste connessioni aiutano chi lavora in proprio a rimanere produttivo, a sopportare le ansie e anche a trasformarle in stimoli alla creatività e alla crescita.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

Edizione Digitale

Leggi Hbr Italia
anche su tablet e computer

Newsletter

Lasciaci la tua mail per essere sempre aggiornato sulle novità di HBR Italia