ORGANIZZAZIONE

RISTRUTTURARE O RICONFIGURARE?

PROGETTARE LA RIORGANIZZAZIONE IN FUNZIONE DELLE VOSTRE ESIGENZE SPECIFICHE

STÉPHANE J.G. GIROD E SAMINA KARIM

Aprile 2017

Per adeguarsi a condizioni di mercato in continuo cambiamento, le imprese devono riorganizzarsi spesso. Ma i leader ricevono consigli discordanti su come e quando farlo. L’azienda ha bisogno di una nuova struttura o dovrebbe solo rimaneggiare la struttura in essere? I benefici di una riorganizzazione saranno superiori ai costi? L’operazione può essere portata a termine prima che le condizioni esterne si modifichino nuovamente? Fino a che punto dovrebbero arrivare i cambiamenti? Negli ultimi tre decenni, abbiamo cercato di aiutare gli executive a rispondere a queste domande con ricerche qualitative e quantitative sui due tipi principali di riorganizzazione. La ristrutturazione comporta la modifica dell’archetipo strutturale intorno al quale le risorse e le attività vengono raggruppate e coordinate. Le aziende si organizzano quasi sempre per funzione, per linea di business, per segmento di clientela, per piattaforma tecnologica, per aree geografiche o intorno a una matrice che combina questi elementi. Nel 2013, la...

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

0 / 3

Free articles left

Abbonati!