SPECIALE /LA NUOVA SCIENZA DELLA CHIMICA DEI TEAM

LO STILE DI LAVORO FA IL TIPO
IL LEADER

CINQUE EXECUTIVE SPIEGANO COME LA CONOSCENZA DELLA PROPRIA PERSONALITÀ LI HA AIUTATI A DIVENTARE LEADER PIÙ EFFICACI. 

ALISON BEARD

Aprile 2017

LA STRATEGIA ADAM MALAMUT CHIEF CUSTOMER EXPERIENCE OFFICER, MARRIOTT DUE ANNI FA, quando ero chief talent officer di Marriott, mi hanno chiesto di razionalizzare e modernizzare le nostre capacità di apprendimento e di sviluppo. Avevo messo assieme un nuovo team e volevo essere sicuro che capissimo le personalità di ciascuno, i nostri ruoli e le nostre responsabilità, e i nostri obiettivi strategici, prima di intraprendere questo viaggio. Abbiamo usato il modello degli stili lavorativi non solo per identificare i nostri punti di forza e i nostri punti deboli e per imparare a lavorare insieme più efficacemente, ma anche per capire dove dovevamo rafforzare il team e cosa potevamo realizzare realisticamente nel primo anno, e poi nel secondo. Nelle prime fasi del processo di pianificazione strategica, tutti hanno preso in esame i loro profili e quelli dei rispettivi team e hanno cominciato a strutturarli in modo più appropriato. Per esempio, i...

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

0 / 3

Free articles left

Abbonati!