ESPERIENZE

Self Management
Un antidoto all’inciviltà

Come difendersi dai colleghi maleducati 

Christine Porath

Aprile 2016

Quando avevo 22 anni, ottenni quello che consideravo il lavoro dei miei sogni. Mi trasferii dal nevoso Midwest all’assolata Florida con un gruppo di altri ex atleti universitari per aiutare un brand globale dell’atletica a lanciare un’accademia sportiva. Nel giro di due anni, però, io e parecchi colleghi lasciammo il lavoro. Eravamo caduti vittime di una cultura lavorativa intrisa di prepotenza, maleducazione e di altre forme di inciviltà, una cultura che era stata impostata dai vertici dell’organizzazione e si era poi diffusa a cascata a tutti i livelli. I dipendenti erano, come minimo, poco coinvolti e, nel peggiore dei casi, effettuavano dei veri e propri atti di sabotaggio o scaricavano la loro frustrazione su familiari o amici. Quando lasciai il posto, molti di noi erano ormai completamente svuotati. L’esperienza fu talmente formativa che decisi di trascorrere la mia vita professionale a studiare l’inciviltà sui luoghi di lavoro, i costi che...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!