ESPERIENZE

Come accrescere il business respirando felici: il Return on Work

Due anni di lavoro con il leadership team in Goodyear hanno dato vita a riflessioni necessarie per dire no a tutto quello che conta poco, o non conta affatto. Il risultato? Otto comandamenti per fare meno ma meglio.

Luca Crepaccioli

Aprile 2016

Gli ultimi anni in Goodyear, come responsabile per i mercati del Sud Europa, mi hanno aiutato a maturare l’idea che c’è una grossa differenza tra lavorare molto e raggiungere risultati positivi, tra sfinirsi di lavoro e fare bene ciò che veramente conta. Cresciuto tra i numeri, incuriosito da tutto ciò che sta dietro alle formule, mi sono spesso domandato se esiste un algoritmo che mette in relazione felicità e successo. Immagino che a molti sia capitato di domandarsi: bisogna avere successo per essere felici o essere felici è una condizione per raggiungere il successo? Da bambini ci ripetevano: “prima il dovere, poi il piacere”, da grandi abbiamo rincorso prima il mito del work-life balance, convinti che organizzare un po’ meglio le giornate, tra lavoro e casa, fosse il segreto della felicità, poi il mondo è diventato iper-connesso. Come molti, ho perso i confini tra le pareti domestiche e quelle dell’ufficio...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!