Perchè la Cina non riesce a innovare

di Regina M. Abrami, William C. Kirby e F. Warren McFarlan

01 Aprile 2014

Perchè la Cina non riesce a innovare

La Cina non manca di imprenditori, domanda di mercato o ricchezza, ma il Paese può riuscire nel suo tentativo di diventare il leader mondiale dell’innovazione?  Per quasi 40 anni il Governo ha preso le decisioni relative ai programmi di ricerca e alle zone hi-tech, incoraggiando le aziende cinesi a incrementare la loro capacità di innovazione e aiutando le università a migliorare. Di recente ha dichiarato l’intenzione di trasformare la Cina in una “società innovativa” per il 2020 e nel leader mondiale di scienza e tecnologia per il 2050.

Ma contro le intenzioni e le risorse del Governo agiscono alcune correnti molto forti. I rappresentanti del Partito Comunista devono essere presenti in tutte le aziende con oltre 50 dipendenti, requisito che ne limita le capacità di essere competitive e imprenditive. E molte società cinesi hanno scoperto che i ritorni per innovazioni incrementali sono così grandi che l’incentivo a perseguire innovazioni radicali resta piuttosto contenuto.

Certamente la Cina ha mostrato un potenziale per l’innovazione e ha la capacità di fare di più. Ma lo Stato avrà la saggezza di alleggerire il suo peso?

 

prezzo 5,00

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 2500

Temi più seguiti

Partner center