IMPRESE GLOBALI

Perché la Cina non riesce a innovare

E cosa sta facendo a proposito

Regina M. Abrami, William C. Kirby, F. Warren McFarlan

Aprile 2014

I cinesi hanno inventato la polvere da sparo, la bussola, la ruota idraulica, la carta moneta, le pratiche bancarie a lunga distanza, la pubblica amministrazione e le promozioni sulla base del merito. Fino all'inizio del diciannovesimo secolo, l'economia cinese era più aperta e orientata al mercato delle economie europee. Oggigiorno, però, molti credono che l'Occidente sia la culla di teorici dell'economia e degli innovatori creativi e che, in larga parte, la Cina sia una terra di gente ingabbiata dalle regole e che impara le cose ripetendole in modo un po'meccanico, un luogo dove si svolgono in modo diligente le attività di ricerca e sviluppo, ma le innovazioni davvero dirompenti sono rare. Quando ne chiediamo il motivo, ci arrivano risposte molto diverse. Alcuni danno la colpa agli ingegneri. «La maggior parte delle start-up cinesi non viene fondata da designer o artisti, bensì da ingegneri che non hanno la creatività necessaria per...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!