SPECIALE / LA SOSTENIBILITÀ IN PRATICA

La sostenibilità che può
piacere a un CFO

Kurt Kuehn con Lynnette McIntire

Aprile 2014

DATO CHE SONO UN CFO che predica la sostenibilità, ho notato che molti miei colleghi sono piuttosto tiepidi su questa idea, forse perché non capiscono come la sostenibilità possa produrre dei ritorni per l'azienda. Anch'io sono costantemente alla ricerca di soluzioni che permettano di allocare efficacemente le risorse e di creare valore. Eppure, la maggior parte delle aziende hanno dei programmi di sostenibilità e ovviamente i responsabili della finanza hanno approvato i relativi investimenti. Mi chiedo però: quale è stato il processo con cui quegli investimenti hanno ottenuto il via libera? E, in particolare, come sono stati scelti determinati progetti tra tutte le alternative a disposizione? Come membro fondatore del comitato direttivo per la sostenibilità di UPS, mi sono posto questo problema e ho sviluppato un punto di vista che enfatizza il ruolo dello slancio organizzativo e adotta il principio dell'“interesse egoistico illuminato”. Il mio approccio si fonda su due...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!