IMPRESE GLOBALI

La soluzione per le fabbriche d’Europa

Nel mondo sviluppato i produttori vanno scoprendo nuovi modi di competere.

Stephen E. Chick, Arnd Huchzermeier e Serguei Netessine

Aprile 2014

Fino a circa dieci anni fa la strategia migliore per rendere competitive le operazioni produttive consisteva nell’applicare le pratiche di lean management. Ma a mano a mano che si diffondevano, il loro effetto in termini di differenziazione dei costi e della qualità diminuiva. Questa situazione rappresenta una notevole sfida per i produttori delle economie sviluppate in Europa e Nord America, i quali non possono competere sui costi con gli impianti dei Paesi  emergenti come Cina, Messico e Brasile dove il lavoro è significativamente meno caro. Molte di queste fabbriche a basso costo raggiungono standard qualitativi elevati, capacità produttive su larga scala e metodi di produzione all'altezza di quelli del resto del mondo. E tuttavia i produttori europei hanno raccolto la sfida, come abbiamo osservato fin dal 1995 nel nostro ruolo di giudici dell’edizione europea dell'Industrial Excellence Award. Insieme ai colleghi delle migliori scuole di business del continente abbiamo analizzato organizzazioni...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!