SPECIALE / CAPIRE GLI INSUCCESSI

Strategie per imparare dagli insuccessi

Siamo stati programmati fin da piccoli a pensare che l’insuccesso sia negativo. Questa radicata convinzione impedisce alle organizzazioni di apprendere efficacemente dai propri errori.

Amy C. Edmondson

Aprile 2011

TRARRE INSEGNAMENTI da un insuccesso è indiscutibilmente prezioso. Ma le organizzazioni che lo fanno bene sono straordinariamente rare. Questo gap non si deve a uno scarso impegno ad apprendere. I manager di quasi tutte le imprese che ho studiato negli ultimi vent’anni – tra cui aziende farmaceutiche, di servizi finanziari, di progettazione dei prodotti, di telecomunicazioni, di costruzioni, ospedali, e il programma Space Shuttle della NASA – volevano sinceramente aiutare le proprie organizzazioni ad apprendere dagli insuccessi per migliorare la performance futura. In alcuni casi, avevano dedicato molte ore, insieme ai loro team, ad analisi ex post, revisioni critiche, eccetera. Ma riscontravo regolarmente che questi sforzi meticolosi non producevano alcun cambiamento reale. C’era una ragione ben precisa: quei manager avevano un’idea sbagliata di un fallimento. La maggior parte dei dirigenti con cui ho parlato sono convinti (naturalmente!) che gli insuccessi siano una brutta cosa negativa. Credono anche che l’apprendimento che...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!