SPECIALE / Apprendere dagli insuccessi

Fallire consapevolmente

Gli ambienti incerti richiedono sperimentazione. Ecco come sviluppare i test e trarre insegnamenti dagli errori.

Rita McGrath

Aprile 2011

NON SI SCOPRE nulla di nuovo dicendo che i leader aziendali lavorano in ambienti sempre più incerti. E non è certo una sorpresa rilevare che, in condizione di incertezza, gli insuccessi sono più comuni dei successi. Eppure, stranamente, non progettiamo le organizzazioni per gestire e limitare gli insuccessi e trarne degli insegnamenti. Quando chiedo ai top manager di valutare l’efficacia delle loro organizzazioni nell’apprendere dai fallimenti, su una scala da 1 a 10 ottengo spesso in risposta un imbarazzato “due, o al massimo tre”. Come si può desumere da queste risposte, la maggior parte delle organizzazioni sono profondamente prevenute nei confronti degli insuccessi e non fanno nessuno sforzo sistematico per studiarli. I dirigenti nascondono gli errori o fanno finta che siano sempre stati messi in conto. Gli insuccessi non possono più essere discussi e le persone hanno talmente paura di pregiudicare le proprie prospettive di carriera che alla fine smettono...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!