SPECIALE / CAPIRE GLI INSUCCESSI

Comportamenti antietici

Ci sono persone per bene che lasciano accadere spesso cose sbagliate. Perché?

Max Bazerman e Ann E. Tenbrunsel

Aprile 2011

LA STRAGRANDE MAGGIORANZA dei manager vorrebbe gestire delle organizzazioni etiche, eppure la corruzione è largamente diffusa nelle imprese. Parte del problema, naturalmente, sta anche nel fatto che alcuni leader sono dei veri mascalzoni, e dirigono le operazioni dall’alto. Ma sono casi rarissimi. Molto più frequentemente, secondo noi, i dipendenti aggirano o violano le regole etiche perché i loro capi sono insensibili al comportamento antietico e rischiano inconsapevolmente di incoraggiarlo. Considerate un caso tristemente noto, che quando è scoppiato presentava tutte le caratteristiche di una corruzione consapevole imposta dall’alto. La Ford Pinto, un’utilitaria prodotta negli anni Settanta, si fece una pessima reputazione per la tendenza a perdere carburante e a prendere fuoco in caso di tamponamento. Più di una ventina di persone persero la vita in questi incidenti prima che l’azienda richiamasse le Pinto per risolvere definitivamente il problema. L’analisi del processo decisionale che aveva portato al lancio della vettura ha...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!