STRATEGIA

I rischi nascosti nei mercati emergenti

Nuovi strumenti basati sulla moderna tecnologia delle comunicazioni, sul social networking e sulla teoria dei giochi possono aiutarvi a impedire che i governi dei Paesi ospitanti introducano normative che riducono sensibilmente i vostri profitti.

WITOLD J. HENISZ E BENNET A. ZELNER

Aprile 2010

Quando un’azienda che possiede una capacità tecnologica o manageriale in grado di generare valore investe all’estero, dovrebbero beneficiarne sia i suoi azionisti sia i cittadini del Paese ospitante. Ma, nonostante l’evidente corrispondenza tra ciò che offrono le aziende straniere e ciò di cui hanno bisogno i Paesi ospitanti, il successo è tutt’altro che assicurato. Le elezioni e altri eventi politici, le crisi economiche e il cambiamento degli atteggiamenti nei confronti delle imprese possono far fallire anche i piani più accurati, sia nelle economie emergenti sia nelle economie sviluppate. L’interazione di queste forze – e le loro implicazioni per le scelte politiche che devono effettuare le multinazionali – assumeranno un rilievo particolare nel momento in cui i governi nazionali avvieranno il difficile percorso verso la stabilizzazione al termine della crisi finanziaria globale. Problemi come la tassazione dei compensi dei manager, la giusta portata della regolamentazione finanziaria e le fusioni e acquisizioni...

Hai ancora 3 articoli gratis. Clicca qui per leggere questo l'articolo.

oppure Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Hbr Italia

Caratteri rimanenti: 400

3 / 3

Free articles left

Abbonati!