Innovare per offrire valore condiviso

Innovare per offrire valore condiviso

Al suo meglio, il business consiste nell’innovare per soddisfare i bisogni della società e costruire un’impresa profittevole. Ma molti leader aziendali combattono per conquistare quelle mete gemelle. In uno studio di oltre 30 aziende che sono riuscite a creare il cosiddetto valore condiviso, gli autori hanno identificato cinque elementi che si rafforzano mutualmente.

Incorporare un fine sociale. Questo può implicare enfatizzare nuovamente la mission fondante di un’impresa, come il CEO di Danone fece nel 2000 per rifocalizzare l’azienda sulle sue origini come produttore di cibo sano.

Definire il bisogno. Alcune imprese conducono ricerche estensive per sviluppare una visione comprensiva del problema sociale. Prima di lanciare un prodotto speziato rinforzato da micro-nutrienti per consumatori a basso reddito in India, Nestlé ha studiato le deficienze nutrizionali nel paese e visitato 1500 famiglie per capire le abitudini di cottura e le diete. 

Misurare il valore condiviso. Per monitorare un’iniziativa in Brasile volta ad aumentare la possibilità di occupare giovani, la Coca-Cola ha passato mesi a pianificare come raggiungere obiettivi di business e sociali e poi ha istituito misure intermedie per tracciare il progresso.

Creare la struttura di innovazione ottimale. La struttura giusta per un’impresa sociale dipende da se l’azienda ha un obiettivo sociale chiaro, comprende i problemi messi nel mirino, è capace di risolverli e crea un forte business case per farlo.

Co-creare con stakeholder esterni. Gli innovatori sociali efficaci ingaggiano stakeholder esterni nei loro sforzi per capire i bisogni sociali ed eseguire le loro strategie.

prezzo 5,00

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Temi più seguiti

Partner center