Un buon leader non trascura la propria vita personale

Un buon leader mette da parte i propri bisogni per il bene dell’organizzazione, ma questo non significa sacrificare completamente la vita personale. Chi trascura completamente le proprie necessità di movimento, sonno e svago finirà vittima del cosiddetto brownout, una graduale perdita di energia, attenzione e passione. Spesso non percepibile agli esterni, questa sindrome colpisce una percentuale significativa della popolazione dei dirigenti. I leader superstar di oggi integrano l’impegno verso gli altri con un’attenzione altrettanto importante a se stessi. Che vi ripromettiate di rispettare un programma di esercizio fisico, di godervi i vostri hobby, di cenare in famiglia o di riflettere su che cosa è importante per voi, dedicarvi del tempo vi rende una versione migliore, più pienamente realizzata di voi stessi. Incominciate facendo una piccola ma significativa promessa a voi stessi e mantenetela. Se ci riuscite, proseguite con un’altra. Non ci vorrà molto prima che si manifesti una ricaduta benefica sulla vostra performance. 

 

Tratto da: “Treat Promises to Yourself as Seriously as Promises to Others” di Michael E. Kibler

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Temi più seguiti

Partner center