Un buon manager è anche coach

Non potete essere grandi manager se non siete anche buoni coach. Impostate regolari incontri di coaching con i membri del vostro team. Imparate che cosa motiva ogni persona e fornite feedback tempestivi. Un buon modo per cominciare è porre domande aperte. Per esempio: «In che cosa ti piacerebbe crescere questo mese?». Se ascoltate attentamente e controllate l’impulso a fornire le risposte, inviterete le vostre persone ad aprirsi e a pensare creativamente. Aiutatele ad articolare i loro obiettivi e le sfide che si pongono e a dare risposte proprie. Se qualcuno è frustrato o bloccato, riconoscete le sue difficoltà e incoraggiatelo a pensare come superarle. Esigete senso di responsabilità: se qualcuno vuole sviluppare una nuova abilità, dategli una scadenza entro cui individuare i programmi di formazione con relativi costi e tempi di assenza dal lavoro. E poi accompagnatelo lungo il percorso.

 

Tratto da “You Can’t Be a Great Manager If You’re Not a Good Coach” di Monique Valcour

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Temi più seguiti

Partner center