Riorganizzarsi dopo il fallimento di un progetto

Si tende a essere ossessionati dai costi irrecuperabili (tutto quell’investimento di tempo e denaro che non riavremo più indietro), ma è quando un team dedica ulteriori risorse a un progetto chiaramente fallimentare che il problema si aggrava. E più il gruppo è coeso più è probabile che tenga duro quando farebbe meglio a lasciar perdere. 

Per ritrovare la giusta misura è necessaria una valutazione oggettiva degli investimenti che permetta di decidere dove ridurre e dove tagliare radicalmente. Per facilitare la misurazione di quel che va e di quel che non va, fissate chiari obiettivi aziendali avendo cura di evitare espressioni generiche e astratte. Scomponete poi ciascun obiettivo in sotto-obiettivi parziali e individuate le azioni necessarie a raggiungere questi ultimi. 

Ciò darà al vostro team un’indicazione precisa di ciò che è realizzabile e di ciò che è invece una causa persa. 


Tratto da “Get Your Team to Do What It Says It’s Going to Do”, di Heidi Grant Halvorson. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Temi più seguiti

Partner center