Rischiate che le vostre dipendenti migliori lascino la vostra azienda?

Una delle risorse più competitive e potenti della vostra azienda potrebbe, in questo momento, liberare la scrivania - o prevedere di farlo. Potete permettervi di lasciarla andare?Nelle ricerche condotte durante la preparazione del mio prossimo libro in uscita, Top Talent: tenere alte le performance quando il business è in calo abbiamo scoperto che dopo il crash finanziario dello scorso anno molte donne ad alto potenziale, più del doppio degli uomini – 84% contro il 40% –  stavano seriamente pensando di lasciare le loro posizioni. E quando la testa e il cuore sono fuori dalla porta, il resto del corpo prima o poi segue.

Le donne sono vittime di due tipi di problemi: vengono lasciate andare in misura sproporzionata e lasciano il lavoro in misura sproporzionata. Eppure, che sia su base volontaria o per effetto di una spinta, le cifre dimostrano che un esodo dei lavoratori di sesso femminile fa male alle imprese.La ricerca condotta sia da Catalystsia da McKinsey & Company dimostra che le imprese con un numero significativo di donne nel management hanno un ritorno sugli investimenti molto più elevato. Inoltre, un recente studio della London Business School mostra che, quando i gruppi di lavoro sono composti in egual misura da uomini e donne, la produttività aumenta. L’equilibrio dei sessi, secondo la ricerca, neutralizza il conformismo - la tendenza dei gruppi omogenei di difendere con forza le idee sbagliate perché tutti nel gruppo pensano allo stesso modo.Da un eccellente studio pubblicato lo scorso ottobre dalla CERAM Business School è emerso che le imprese del CAC 40 (l'equivalente francese dell’indice di borsa Dow Jones Industrial Average), con un'alta percentuale di donne nel top management, hanno registrato una migliore resistenza alla crisi finanziaria. Le società con meno donne manager hanno avuto un calo maggiore nel valore delle proprie azioni a partire dal gennaio 2008.

I fatti non potrebbero essere più chiari: donne intelligenti equivalgono a imprese più forti.Non appena è iniziata l’uscita dalla recessione globale, le imprese lungimiranti hanno cominciato a costruire una solida piattaforma attraverso programmi che forniscono la spinta sia per le donne con elevate performance sia per quelle ad alto potenziale.Intel ha organizzato seminari per lo sviluppo della carriera mirati esattamente a conservare una delle sue popolazioni più a rischio: donne ingegneri di livello intermedio. I dati raccolti nelle interviste avevano rivelato che molti di questi tecnici di talento stavano andando via non per avere più tempo da passare con la famiglia, ma perché non si sentivano più stimolate o appassionate del proprio lavoro.Nel 21° secolo, le persone di talento di entrambi i sessi si sentono spesso ostacolate da un percorso tradizionale di carriera verticale, che segue una linea retta su una scala stretta. Sono invece interessate e aperte a movimenti orizzontali e una varietà di opzioni di "stile di lavoro", come ad esempio orari flessibili e telelavoro, fintanto che queste opzioni sono intellettualmente e professionalmente stimolanti e/o soddisfano gli impegni personali. Purtroppo, se non sanno come esprimere quei desideri o pensano che non saranno soddisfatti dal loro attuale datore di lavoro, cominciano a guardare altrove.In un breve seminario di Intel sulla carriera si incoraggiano i partecipanti a identificare ciò che è veramente stimolante nel lavoro che stanno facendo, nonché il tipo e la qualità del lavoro che vorrebbero fare nei successivi cinque, dieci e quindici anni. Poi si esercitano a discutere in modo efficace delle loro aspirazioni con i loro manager diretti, che a loro volta imparano come soddisfare le esigenze specifiche delle donne di livello intermedio. "Per noi, la condivisione delle idee è un fattore critico nelle economie in espansione come in quelle in recessione", dice Rosalind L. Hudnell, diversity manager dell’azienda.

"Ci siamo focalizzati sul mantenimento dei talenti chiave in questi tempi difficili".Un numero crescente di aziende sta insegnando alle loro donne ad alto potenziale a pensare strategicamente alla loro carriera - incoraggiando i loro responsabili a sostenerle. Un programma della Johnson & Johnson, chiamato "Taglia il Traguardo", mira a fornire a donne manager dotate di grande cultura e di conoscenze, le competenze e le strategie utili a rafforzare le loro capacità e in seguito la loro carriera, rafforzando nel contempo la capacità dei loro supervisori di creare e gestire un ambiente che sfrutta le diversità."Questo non è un programma di recupero", sottolinea JoAnn Heffernan Heisen, già responsabile della diversità. "E' un programma di accelerazione delle carriere, perché sono già riconosciute come talenti ad alto potenziale". Il seminario di quattro giorni è stato un tale successo che ne è stata sviluppata una versione analoga per gli uomini.Anche le imprese nel tormentato settore finanziario riconoscono la necessità di coltivare questa risorsa trascurata. UBS ha recentemente lanciato due nuovi programmi volti a sostenere i dirigenti di sesso femminile. "Il collegamento con i Clienti in tempi difficili" è affidato alle donne della banca che sanno gestire la relazione con i clienti, che vogliono sfruttare la propria competenza per generare entrate per salire di livello. "Traccia il tuo futuro" è un seminario di consulenza per la carriera personalizzato per le donne ad alto potenziale in Asia. "Il messaggio del management è che la banca è ci tiene ", spiega Mona Lau, responsabile globale per la diversità e del campus di recruiting. "Vogliamo che restiate con noi".Scarica questa storia di successo (in inglese) per saperne di più sul laboratorio di Intel per lo sviluppo della carriera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Temi più seguiti

Partner center