Speciale

LUCI E OMBRE DEL DIGITALE

03 Maggio 2018

LUCI E OMBRE DEL DIGITALE

Da qualche tempo si è iniziato a prendere coscienza delle dimensioni problematiche del digitale. In questo Speciale, esperti di aree e discipline diverse discutono alcune tra le principali di queste dimensioni, che investono economia, finanza, società e diritto, ma anche psicologia e ambiente. Ne emerge un quadro inquietante, di cui la maggior parte degli interessati è tuttora scarsamente consapevole.

I crescenti lati oscuri “soft” del digitale
I lati oscuri del digitale sono purtroppo in crescita. E non si parla solo della cybersecurity, ma di aspetti più “soft” che tuttavia non sono meno concreti o dannosi, per citarne due: il degrado dei social media e fine della privacy. Per essere evitate o prevenute, queste problematiche vanno prima individuate e conosciute a fondo. Per comprendere il digitale e usarlo in modo opportuno, Andrea Granelli propone un metodo bastato su quattro dimensioni: consapevolezza, dimestichezza, pensiero critico e pratiche di controllo periodico e consapevole.

Corporate governance e cyber-risk: una nuova sfida
La trasformazione digitale impatta su tutti i settori industriali. Ciò richiede l’acquisizione di competenze digitali, il ridisegno di sistemi IT “legacy” e infine reti robuste e sicure. L’azienda si deve dotare di nuovi modelli organizzativi e rimodellare i processi di sviluppo di nuovi prodotti/servizi secondo metodologie di “security by design”

Cultura digitale e soft skills per la gestione del cambiamento
Le risorse umane assumono un ruolo sempre più centrale nella gestione del cambiamento legato alla trasformazione digitale. Fondamentale per le imprese valutare le competenze digitali interne e individuare il profilo manageriale ideale per affrontare le sfide. Roberto Maglione elenca gli strumenti da adottare per colmare il gap tra competenze attese e competenze esistenti.

I cinque peccati ambientali del digitale
L'impatto sulla salute del pianeta è il meno noto tra i lati oscuri del digitale. Carlo Alberto Pratesi e Massimo Marino hanno individuato i maggiori rischi ambientali che il mondo digitale dovrà imparare a gestire.

Il rischio della dittatura delle policy
La verità è che le condizioni generali dei più popolari servizi online, pur regolando la parte ormai preponderante della vita della maggior parte dei cittadini del mondo, sono scritte e pubblicate in modo tale che ignorarle sia la regola e leggerle l’eccezione.

 
Parole chiave: 

prezzo 5,00

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Temi più seguiti

Partner center