Gestite il vostro portafoglio di innovazioni

In molte aziende l’innovazione consiste in un disordinato insieme di iniziative ricche di energia ma povere di strategia. Per ottenere ritorni stabili e al di sopra della media è invece necessario che il portafoglio delle innovazioni sia equilibrato e gestito come un tutto integrato.Dallo studio di imprese nel settore industriale, tecnologico e dei beni di consumo emerge una costante di grande interesse: tipicamente ottengono risultati vincenti le società che investono circa il 70% delle risorse destinate all’innovazione nel core business, il 20% in progetti adiacenti e il restante 10% in iniziative a carattere trasformativo. Di fatto, però, i ritorni di questi investimenti si distribuiscono tendenzialmente in proporzione inversa, con un 70% generato dall’ambito trasformativo.L’equilibrio ideale varia da settore a settore e da azienda ad azienda, ma c’è un fattore che vale per tutti: bisogna gestire l’innovazione totale a tutti e tre i livelli e farlo con consapevolezza e attenzione. In particolare è necessario sviluppare le capacità specifiche richieste dai processi di innovazione trasformativa e quindi reperire talenti per i progetti innovativi e assicurare che questi siano sufficientemente isolati dal core business; dotarli di una struttura di finanziamento idonea (e spesso molto diversa); abbandonare l’approccio di pipeline management e adottare metriche non economiche interne per una prima valutazione dei risultati.Imparando a gestire l’innovazione totale le imprese possono avere il pieno controllo delle energie di innovazione e fare di essa un volano di crescita affidabile.Titolo originale: Managing Your Innovation Portfolio, HBR, 5.2012.

prezzo 5,00

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Temi più seguiti

Partner center