“Sono tornato perché l'azienda aveva bisogno di me”

Yang assunse la guida di Lenovo (Legend in precedenza) nel 2001, quando il suo fondatore Liu Chuanzhi passò alla presidenza. Rimase in carica tre anni prima di succedergli a sua volta come presidente della società e insieme organizzarono nel 2005 la stupefacente acquisizione del settore personal computer di IBM che portò di colpo l’azienda cinese al terzo posto tra i produttori di computer a livello mondiale. Nel 2009, sotto i colpi della recessione globale, il board chiese a Yang di riprendere la funzione di CEO, funzione che mantiene a tutt’oggi.

Fedele alla strategia che l’azienda definisce “proteggere e attaccare” – difendere il mercato core dei pc (di cui Lenovo è oggi il maggior produttore mondiale) e contemporaneamente espandersi in nuove aree come quella della telefonia mobile e del cloud computing – Yang ha invertito la tendenza. A inizio 2014 Lenovo ha investito 2,3 miliardi di dollari per acquisire da IBM il business dei server di fascia bassa e 2,9 miliardi per la Motorola Mobility di Google.

In questa intervista Yang parla con il redattore capo di HBR di queste acquisizioni, delle innovazioni di Lenovo, della concorrenza e di altro ancora. 

prezzo 5,00

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Temi più seguiti

Partner center