Il gene dell’altruismo

Per generazioni, abbiamo operato nella convinzione che gli esseri umani fossero fondamentalmente egoisti e perciò abbiamo costruito sistemi e organizzazioni attorno agli incentivi monetari, ai premi e alle punizioni. Non è che questo abbia sempre funzionato così bene.Ora, il vento sta cambiando. In campi come quelli della biologia evoluzionista, della psicologia, della sociologia, della scienza politica e dell'economia sperimentale i ricercatori stanno trovando prove del fatto che gli esseri umani sono più collaborativi e si comportano in modo molto meno egoista di quanto abbiamo creduto per molto tempo.Il successo raggiunto da contesti collaborativi come Wikipedia, Craigslist, Facebook e il software open source ha, infatti, una base scientifica. Decine di studi specialistici hanno identificato sistemi cooperativi di grande successo e che spesso sono molto più stabili di quelli che si basano sugli incentivi. Inoltre, i ricercatori hanno trovato prove neurali e forse anche genetiche di una predisposizione umana alla collaborazione. L'evoluzione potrebbe davvero favorire gli individui che collaborano e le società che includono al proprio interno questo tipo di persone.Le organizzazioni farebbero meglio ad aiutarci a coltivare e ad accogliere i nostri sentimenti di generosità piuttosto che ritenere che siamo guidati unicamente dal nostro interesse personale. Possiamo costruire sistemi collaborativi incoraggiando la comunicazione, assicurandoci che le dichiarazioni sulla comunità siano autentiche, sostenendo un sentimento di solidarietà, essendo equi e facendo appello alle motivazioni interiori delle persone. Titolo originale The Unselfi sh Gene, Luglio-Agosto 2011

prezzo 5,00

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Temi più seguiti

Partner center