innovazione

La sfida dell'istruzione in un futuro dominato da blockchain e intelligenza artificiale

I sistemi tradizionali di apprendimento vanno modificati per potersi adattare alle nuove realtà in divenire.

Mark Esposito, Terence Tse, Danny Goh

20 Febbraio 2018

In un'epoca all’insegna della meritocrazia della macchina, nella quale l'ascesa del progresso tecnologico è sul punto di dominare tutti gli aspetti della nostra vita, gli esseri umani sono a un passo dall’assistere a dei cambiamenti epocali e affascinanti che interesseranno ogni campo e ogni disciplina. In particolare, i sistemi tradizionali di apprendimento e istruzione dovranno essere modificati al fine di potersi adattare alla realtà del futuro, dominata da fenomeni come la blockchain e l'intelligenza artificiale. In questo articolo proponiamo nuove modalità della relazione tra istruzione e progresso tecnologico. In particolare, la nostra ricerca si concentra su come dovremo cambiare l'istruzione per prepararci a un futuro dominato dalla blockchain e dall'intelligenza artificiale.

Il nostro percorso educativo si è evoluto per tenere conto della nostra crescente comprensione del mondo. Il recente boom di Internet ci ha aperto le porte all’auto-didattica in modalità nuove, trasformando siti come Khan Academy, Coursera, TED, Wikipedia e YouTube in alcuni tra i più importanti poli di conoscenza gratuiti del mondo. Ciononostante, a prescindere da tutti questi sviluppi, il sistema educativo odierno appare ancora statico e generalizzato. Nei metodi educativi convenzionali l’attenzione è meno concentrata sull'autosviluppo individuale di quanto si dovrebbe. Ma ciò che è peggio ancora, è che spesso gli studenti non capiscono per quale motivo si trovino ad apprendere le materie che sono tenuti a imparare, il che fa sì che le lezioni siano percepite come arbitrarie e prive di scopo. Gli studenti sono costretti ad attenersi a rigide scadenze anziché perseguire la propria creatività e curiosità, e sperimentano una costante paura del fallimento, specie al momento dell’assegnazione dei voti. Gli insegnanti, d'altro canto, hanno un’agenda molto intensa - dalle lezioni alla distribuzione dei compiti, all'insegnamento e alla valutazione, che diventa ancor più fitta se vogliono prestare agli studenti un'attenzione personalizzata. Queste problematiche sollevano la questione di come migliorare l'istruzione e portarla a un livello più alto. Cosa potrebbe far sì che l’istruzione diventi più efficace, coinvolgente e pratica? Si potrebbe obiettare che si tratta, alla fine, di esplorare a fondo l'uso intelligente di tecnologie come la blockchain e l'intelligenza artificiale. È così?
La blockchain (lett. catena di blocchi) è un registro pubblico condiviso altamente trasparente, elastico ed efficiente. Un registro di blockchain (o database) è disperso in un formato basato su cloud che include dati digitali distribuiti geograficamente attraverso una rete di computer peer-to-peer. I vantaggi della tecnologia blockchain valgono per molti settori e hanno impatto anche su iniziative sociali, politiche, umanitarie e scientifiche, contribuendo a dar vita a nuove forme organizzative e istituzionali di governance economica. Inoltre, una blockchain costituisce una risorsa globale e aperta, nel senso che non vi è nessuna particolare azienda o persona che la possieda.
La caratteristica più evidente della tecnologia blockchain è che, a differenza dei sistemi centralizzati, non si basa su una terza parte di fiducia. In effetti, la tecnologia blockchain può essere un potenziale punto di svolta rivoluzionario per tutta una serie di settori, da quello bancario e assicurativo alla gestione dell'energia e all'istruzione.
La tecnologia blockchain può avere, in particolare, un impatto significativo sul sistema educativo e dell’apprendimento. In realtà, non si tratta solo dell'uso di big data, social web, MOOC o realtà virtuale. I responsabili dell'istruzione devono iniziare a prendere in considerazione l'utilizzo della tecnologia blockchain in aree specifiche, come per esempio le modalità di identificazione e di registrazione dei dati degli studenti, sviluppando nuovi modelli pedagogici o di apprendimento, oltre a monitorare e affrontare la questione del costo dell'istruzione, inclusi i debiti di studio.
Gestire la documentazione e le identità degli studenti mediante la blockchain. La maggior parte delle istituzioni accreditate a livello accademico si trova a dover affrontare la sfida di mantenere la riservatezza e la sicurezza dei dati memorizzati. In America nel 2013, l’Education Advisory Board (EAB) ha tracciato a grandi linee il progetto di alcune strategie per la raccolta di dati sugli studenti e gli ex-alunni da utilizzare nelle iniziative di raccolta fondi per college e università. Da un punto di vista tecnologico, la blockchain può essere programmata per registrare virtualmente tutto quanto rivesta valore e importanza per ogni persona, a cominciare dai certificati di nascita, fino alle pagelle scolastiche, ai libretti di previdenza sociale, ai prestiti di studio per gli studenti e a qualsiasi altra cosa che possa essere tradotta in codici.
Nuovi modelli di apprendimento o pedagogici attraverso la blockchain. Se nelle università prevale un ambiente in cui l'apprendimento è limitato e asfittico, allora saranno il ruolo dell'esperienza del campus e le credenziali stesse a risultarne indeboliti e messi in discussione. In realtà, molte delle istituzioni accademiche sono ancora concentrate su un modello di trasmissione dell'apprendimento nel quale l'insegnante trasmette le conoscenze e lo studente è il destinatario di un messaggio a senso unico. Nell'era digitale questo modello di apprendimento non funziona più. Si va manifestando, infatti, una nuova generazione di studenti che desidera prendere parte attiva a nuove modalità di apprendimento di tipo collaborativo. La blockchain fornisce una piattaforma per tale collaborazione, che si esplica in uno scambio di idee e concetti, oltre a consentire non solo di monitorare i contributi individuali, ma anche di premiarne i risultati ottenuti.
Blockchain, costo e debito dello studente. Negli Stati Uniti tra il 1995 e il 2015, le tasse d’iscrizione e le quote di frequenza di college e università private sono aumentati in media del 179%. Le quote di frequenza dei college per gli studenti non residenti provenienti da altri Stati nelle scuole pubbliche hanno visto un aumento del 226%, a fronte di un’impennata del 296% delle tasse d’iscrizione e delle quote di frequenza per gli studenti residenti. Circa 44 milioni di americani devono un totale di 1,3 trilioni di dollari in termini di prestiti di studio. Non c'è da meravigliarsi se il costo dell’istruzione nei college sia stato un tema così caldo nelle elezioni presidenziali degli Stati Uniti del 2016. Per ridurre in modo massiccio il prestito di studio durante l'apprendimento, le istituzioni e i dirigenti scolastici devono trovare mezzi alternativi per i prestiti, e la risposta è quella di mettere a disposizione degli studenti una piattaforma come una blockchain, che consenta loro di imparare, lavorare e guadagnare denaro per pagare le proprie tasse d’iscrizione. Ad esempio, iniziative come Learning Is Earning si basano su un modello in cui agli studenti vengono date delle opzioni per ripagare i loro prestiti di studio insegnando ad altri studenti o applicando da subito le loro nuove conoscenze nel mercato del lavoro. I datori di lavoro possono anche essere disposti a pagare per intero il ciclo educativo di uno studente in cambio di un taglio sui futuri guadagni di quest’ultimo sulla blockchain.
L’Intelligenza Artificiale fa riferimento a dei sistemi informatici che prevedono attività le quali richiedono delle capacità decisionali umane. Nell'istruzione superiore, l'applicazione dell'IA include una serie di sistemi innovativi, quali robot scrittori, esperienze virtuali e tutoraggio intelligente (ITS). Se è pur vero che potremmo non giungere a vedere dei robot umanoidi in azione che si comportano come insegnanti nel prossimo decennio, vi sono, tuttavia, molti progetti - già in opera per studenti, insegnanti e istituzioni educative - che adottano cambiamenti tecnologici e utilizzano l'intelligenza informatica per ottenere di più dall'esperienza educativa. Spesso gli insegnanti trovano difficoltà nell’identificare ed affrontare i bisogni educativi di alcuni dei loro studenti. Alcuni di essi si limitano ad adottare un approccio standard applicato in maniera indifferenziata a tutti. Gli studenti, però, presentano tassi di avanzamento diversi e imparano a ritmi diversi. E il passaggio da questo metodo tradizionale a una forma di apprendimento più personalizzata è proprio ciò che l'intelligenza artificiale sta risolvendo. Strumenti come gli algoritmi di apprendimento automatico, programmi che raccolgono modelli dai dati e forniscono approfondimenti e suggerimenti, tutti pensati per venire in aiuto degli insegnanti nell’identificare eventuali lacune nei loro insegnamenti e indicare in quali punti delle materie di studio gli studenti sono alle prese con delle difficoltà. Brainly, un social network collaborativo per gli studenti, è un esempio in questo senso.
L'ascesa dell'intelligenza artificiale nel campo dell’istruzione è di fondamentale importanza nel cambiare l'insegnamento dalla conoscenza generale alla padronanza nell'apprendimento, creando degli studenti in grado di confrontarsi con un futuro di tecnologie intelligenti. Invece di utilizzare dei libri di testo generalisti, studenti e insegnanti possono passare all’uso di libri dai contenuti personalizzati che soddisfino la loro specifica area di bisogno. Grazie alla IA, la Content Technologies, Inc. (CTI), una società di ricerca e sviluppo di intelligenza artificiale, ha focalizzato la sua attenzione sull'apprendimento profondo al fine di creare un insieme di libri di testo personalizzati. Una volta che gli educatori hanno trasferito il proprio programma e il contenuto del piano di studio nel motore di CTI, il sistema legge, controlla il contenuto e segue l’andamento di nuovi modelli. Solo in questo modo sarà possibile portare la necessaria e indispensabile attenzione degli insegnanti sullo stato e l’andamento di loro studenti.

In conclusione
Il fatto che il futuro si prefiguri carico di ulteriori progressi e caratterizzato dal predominio delle tecnologie intelligenti, in particolare la blockchain e l'intelligenza artificiale, è innegabile. Pertanto, è necessario che il settore educativo cambi i suoi metodi operativi convenzionali per esplorare i nuovi modi con cui poter affrontare la sfida. Le nuove forme di istruzione delineate in questo articolo possono sembrare fantasiose, ma sono tutte realizzabili mediante l'integrazione intelligente di design, tecnologia e immaginazione. L'unica certezza sul futuro che ci aspetta è che porterà a una vera e propria rivoluzione profonda del presente e, visto il modo in cui la blockchain e l'intelligenza artificiale vanno avanti, sembra proprio che avremo un'opportunità senza precedenti per trasformare l'istruzione in qualsiasi cosa si possa immaginare.

Mark Esposito è Professore di Strategia Economica alla Harvard University e alla Hult International Business School, e co-fondatore di Nexus FrontierTech; Terence Tse è Professore di Finanza alla ESCP Europe Business School e co-fondatore di Nexus FrontierTech; Danny Goh è un imprenditore seriale e mentor alla Oxford Said Business School e co-fondatore di Nexus FrontierTech.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Lascia il tuo commento

  • SimoneRavaioli

    Simone

    Ravaioli

    17:05, 23 Febbraio 2018

    Yes, and... Mi permetto di integrare la parte di BlockChain con 3 approfondimenti - uno tutto Italiano, uno Europeo e uno Americano. (Italia) GrowBit - http://bit.ly/GrowBit blockchain can be used with Open Badges and Augmented Reality to provide open certification at high school level (Europa) Blockchain in Education report by Joint Research Center of the European Commission - http://bit.ly/BlockChainEduJRC (USA) Blockcerts - www.blockcerts.org Blockcerts is an open standard for building apps that issue and verify blockchain-based official records. Happy to continue the conversation simone.ravaioli@gmail.com

    Rispondi

    Report

Temi più seguiti

Partner center