Gestire gli investitori

Manager e accademici spesso lamentano che la visione a breve di Wall Street renda impossibile alle aziende fare piani per il lungo termine. Palmisano dissente. Sì, c’è qualcuno a WS come gli analisti sul lato dell’offerta che dominano le conferenze telefoniche sugli utili trimestrali, che non riescono a vedere più di qualche mese più in là. Ma i CEO non dovrebbero partecipare comunque a quei riti, dovrebbero invece concentrare le energie sugli investitori istituzionali che abbraccerebbero una visione di lungo termine se venisse loro data la possibilità di seguire i progressi dell’azienda.

Nell’intervista Palmisano descrive come il vertice di IBM abbia compiuto significativi cambiamenti sul modo di fissare gli obiettivi e comunicarli agli investitori. Il “modello”, una road map pluriennale mobile per la crescita degli utili e la generazione di cassa, includeva una forte enfasi sugli investimenti in R&S anche nei periodi di crisi, un piano per l’esecuzione interessante ogni unità dell’organizzazione e uno spostamento verso le retribuzioni a lungo termine. Altre chiavi importanti erano la trasparenza e un dialogo aperto con i più importanti stakeholder.

Il CEO è un amministratore, sostiene Palmisano, incaricato di proteggere l’azienda e i suoi rendimenti per anni nel futuro. Ma questa visione non deve contrastare con l’orizzonte visibile. Nel mandato di Palmisano le azioni hanno preso valore.

prezzo 5,00

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Temi più seguiti

Partner center