Essere considerati un leader

Essere considerati un leader

Se non si conoscono già tra di loro tendono ad accordare uno status superiore sulla base di fattori quali età, genere, etnia, aspetto fisico e posizione gerarchica. Tutte caratteristiche al di fuori del controllo del singolo, che però non necessariamente predeterminano il ruolo di quest’ultimo nel gruppo. A detta degli autori, chiunque può vedersi riconoscere un status superiore e un’influenza maggiore presentandosi a un nuovo gruppo con la giusta disposizione mentale. 

Tre sono le condizioni psicologiche in grado di accrescere l’ottimismo, la sicurezza e la proattività che le persone associano alla leadership: tensione all’obiettivo = promotion focus, positività e consapevolezza del proprio potere. Un semplice esercizio di 5 minuti prima dell’incontro può contribuire a riattivare uno di questi tre stati mentali: descrivere per iscritto le proprie ambizioni oppure una situazione in cui ci si è sentiti felici o capaci. Gli autori illustrano come i partecipanti allo studio che hanno applicato questo metodo abbiano fatto registrare una maggior probabilità di far valere la propria opinione, di indirizzare le decisioni e di essere visti come leader dai propri compagni, tanto nella prima riunione quanto nella successiva due giorni dopo.

prezzo 5,00

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Temi più seguiti

Partner center