Come Netflix ha reinventato la gestione delle risorse umane

di Patty McCord

22 Gennaio 2014

Quando i dirigenti di Netflix elaborarono un PowerPoint sulla strategia dell’azienda nel talent management,il documento ebbe diffusione virale e venne visto in rete oltre 5 milioni di volte. Ora uno di questi dirigenti, a lungo responsabile dello sviluppo dei talenti, è andato oltre e ha dipinto un quadro dettagliato di come Netflix attira, trattiene e gestisce le star.

Assume, premia e tollera solo chi si comporta da adulto. Chiede ai lavoratori di usare la logica e il buon senso anziché politiche formalizzate, che si tratti di comunicazione, uso del tempo o spese.

Dice il vero sulle performance. Via le revisioni formali, viva i dialoghi informali. Offre generose buonuscite invece di trattenere persone con competenze non più utili.

Invita i manager a costruire grandi team. È la cosa principale. Non li valuta perché sono dei buoni mentori o perché stanno dietro alle carte.

I leader sono gli owner del processo di creazione della cultura dell’azienda. Devono effettivamente incoraggiare e modellare i comportamenti.

I talent manager devono pensare come prima imprenditori e innovatori, poi come gestori di persone. Basta con le festicciole e le T-shirt, occorre esser certi che ogni dipendente capisca ciò che serve di più all’azienda e soprattutto ciò che significa esattamente “alte performance”.

prezzo 5,00

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Temi più seguiti

Partner center