DICEMBRE 2017

Non perseverate con una strategia perdente

Non perseverate con una strategia perdente

Abbiamo la tendenza a continuare per la stessa strada, per quanto irrazionale sia. Nella letteratura sul management, questo fenomeno è noto come escalation dell’impegno e gioca un ruolo importante in quasi tutti i casi di studio universitari riguardanti il collasso di quella che era in precedenza un’azienda leader di settore. Esempio classico è la casa discografica britannica HMV, La voce del padrone, il cui direttore generale liquidò la musica da scaricare come una “moda passeggera”.
L’escalation dell’impegno si spiega a partire da una serie di distorsioni che si rinforzano reciprocamente: il deterrente dei costi non recuperabili, il rifiuto di perdere, l’illusione del controllo, la tendenza a portare a termine i compiti, l’ignoranza pluralistica e l’identificazione personale.
Gli autori presentano sei pratiche che possono essere utili per contrastare tali distorsioni:
1. Fissare i criteri decisionali.
2. Fare attenzione alle regole con cui si effettuano le votazioni.
3. proteggere i dissidenti.
4. Prendere espressamente in considerazione le alternative.
5. Separare la presa di posizione dalla presa di decisione.
6. Rafforzare l’anticipazione del rammarico.
I dirigenti eccessivamente coinvolti rischiano di ignorare i segnali di un imminente collasso dell’azienda: queste pratiche spingono i manager a tutti i livelli a prendere le decisioni in maniera più obiettiva.

prezzo 5,00

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Temi più seguiti

Partner center